Archive for the ‘Poesia’ Category

Compleanni

30 novembre 2011


E cosi’ un altro anno e’ quasi trascorso…

E quindi? E quindi non posso far altro che prenderne atto. D’altronde, se tutto restasse immobile, immutabile, cristallizzato, non sarei viva.

Una cosa e’ certa: ora intravedo le prime rughe intorno agli occhi. (more…)

Annunci

Oggi vorrei parlar d’altro

26 novembre 2011


Non scrivo da alcuni giorni. A volte capita che mi allontani da questo luogo, per i troppi impegni, per la poca voglia, o per raccogliere le forze, che per me sono le idee. Perche’ le idee, come le forze, possono esaurirsi, posso restarne completamente priva o, semplicemente, non sentire la necessita’ di parlare di cio’ di cui in questo momento si sta parlando ovunque. A che servirebbe la mia voce in piu’ a ripetere le stesse cose? Quelle cose con le quali ormai tutti stanno facendo coro? La crisi, il debito, il crollo del sistema, oppure Monti, Berlusconi, le tasse, la casta… (more…)

Soulmate

17 ottobre 2011


Domenica mattina. E’ tardi. Abbiamo passato la notte insieme. Fuori il cielo e’ sereno, ma l’aria e’ fredda. Ci rannicchiamo fra le coperte. Restare a letto, la pigrizia, le coccole, il desiderio, il piacere. Poi di nuovo la pigrizia. I tuoi baci al gusto di caffe’ mischiati ai miei che sanno di te’… e di te. (more…)

Immobile

20 agosto 2011


Vorrei creare per noi un mondo

senza le preoccupazioni dei mortali

senza aspettative disincantate

senza fantasie frustrate

senza sospetti ne’ sicurezze.

Senza luci rosse d’arresto

senza limiti di velocita’

senza istinti da trattenere

senza desideri da seppellire. (more…)

Erezioni

19 agosto 2011


Ho un’erezione”, disse la donna con gli occhi azzurri.

“Anch’io ho un’erezione”, disse l’amante della donna con gli occhi azzurri.

All’uomo non venne in mente di dire alla donna: “In che modo puoi avere un’erezione? Sei una donna”.

Questo era il motivo per cui lei lo aveva scelto come amante, penso’ la donna con gli occhi azzurri. Questa era una delle innumerevoli ragioni per cui, a lei, lui piaceva cosi’ tanto, e questo era senza dubbio il vero perche’, in quel momento, gli stava accanto nuda nel letto: perche’ a lui non sarebbe mai venuto in mente di dirle qualcosa di cosi’ stupido come: “In che modo puoi avere un’erezione? Sei una donna”. (more…)

Duello

18 agosto 2011


Nessuna mossa elegante di torsione e rotazione:
siamo in guerra, tesoro.

La mia fame contro la tua avidita’,
la tua impazienza contro la mia velocita’. (more…)

L’arte dell’attesa

16 agosto 2011


Niente puo’ essere preteso. Men che meno l’amore di qualcuno. Chi, come se gli appartenesse di diritto, pensa di ottenerlo con ogni mezzo, i soldi, la furbizia, la prevaricazione, il controllo, come in una terra conquistata con la forza ricevera’ indietro solo indifferenza, forse finzione, magari sottomissione, ma mai amore. (more…)

Poetizzando

11 agosto 2011


Guardo le nuvole che mi guardano, e a loro chiedo: chissa’ quale pioggia ha il sapore piu’ buono, la vostra o la mia?
E a loro chiedo: avete detto a nessuno perche’ piangevo ieri notte?
E a loro chiedo: com’e’ che potete dissolvervi quando volete e io non posso? (more…)

Faccia a faccia con me stessa

6 agosto 2011


Se dico “poesia”, cosa pensi?
– “Libidine”

– Se dico “ispirazione”?
– “Eccitarsi”. (more…)

Scena erotica

4 agosto 2011


Azione!
Bussi alla porta. Ho un sobbalzo, spaventata. Anche se ti attendevo, ho il cuore che mi batte forte. Mi alzo. Svelta. Svelta. Vado allo specchio e mi sistemo i capelli. Li raccolgo. M’inumidisco le labbra. Ho il respiro affannato. Svelta. Svelta. Apro la porta. Entri piano. Mi guardi negli occhi. Chiudi la porta dietro di te. Non parli. Non pronunci una sola parola. Non mi dici nemmeno “Ciao”. Eviti persino un banale “Come stai?”. Subito mi spingi con le spalle verso il muro e mi tieni ferma li’, appoggiata, col tuo corpo aderente al mio. Mi spremi fra le braccia. Annuso il tuo collo. Annuso la tua passione. Ti stacchi da me. Fai qualche passo nella stanza. Cerchi una sedia. Ti siedi. Mi afferri per un braccio e mi tiri verso di te. Mi metto a cavalcioni sulle tue gambe. Mi prendi la testa tra le mani. (more…)