Lo hanno “evacuato”


Non e’ andata come nel finale de “Il Caimano”. Non e’ uscito dal Palazzo dalla porta principale, impettito, orgoglioso, arringando alla folla e presentandosi al mondo come martire, come un eroe della Patria tradito e costretto alle dimissioni. No.

Se n’e’ andato di soppiatto, timoroso dei fischi della gente, come un guitto preso a pomodorate dal pubblico deluso dalla rappresentazione, come un venditore di patacche appena smascherato.

Qualcuno della scorta gli avra’ detto: “Venga, presidente, e’ meglio che esca da qui…” E cosi’ ha accettato di uscire dalla porta di servizio. Come un fattorino qualsiasi.

Di tutti gli anni del berlusconismo, l’immagine che piu’ mi restera’ in mente di questo squallido periodo sara’ quella di un uomo “evacuato” dall’uscita sul “retro”.

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: