Archive for marzo 2011

Della stessa materia di cui sono fatti i sogni

24 marzo 2011


Decisa, entro in camera e apro la finestra. I suoni della notte e della campagna intorno sono come un bisbiglio continuo che preannuncia l’estate, mentre una brezza leggera scuote di tanto in tanto la soffice tenda di lino. Chiudo a chiave la porta. Chiunque, per entrare, dovra’ prima bussare.

Mi siedo davanti alla scrivania come per lavorare. Tolgo le scarpe, ma non riesco a trovare la quiete perche’ ho dentro un languore che persiste. Lo conosco bene, quando s’insinua non se ne va, ma so anche come fare per liberarmene.

Mi sistemo meglio sulla poltrona e mi libero delle autoreggenti. La brezza che entra dalla finestra, come un sospiro, mi accarezza le gambe nude. (more…)

Annunci

Destinazione ignota

22 marzo 2011


Bene, mi sono decisa. Da oggi me ne vado per qualche giorno in vacanza. Fra un paio d’ore prendero’ il treno per Budapest e poi, da li’, proseguiro’ verso destinazione ignota. Ignota a tutti, ovviamente, ma non a me. So che questi miei brevi viaggi non interessano a nessuno, pero’, siccome sono educata, pensando che qualcuno potrebbe preoccuparsi vedendo il blog non aggiornato nei prossimi giorni, allora avverto. (more…)

Chiedere e’ lecito, rispondere e’ cortesia

17 marzo 2011


E’ una frase che ho sentito molto spesso. Di solito mi viene detta quando rifiuto di rispondere a domande indiscrete, invadenti e che considero al limite della decenza. Rispondere sara’ anche cortesia, non lo metto in dubbio, ma anche chiedere dovrebbe esserlo. Non si puo’ chiedere qualsiasi cosa e non si puo’ pretendere che la nostra curiosita’ sia sempre soddisfatta. Alcune volte si deve essere pronti ad accettare anche una scortese non risposta, poiche’ ci sono alcune domande alle quali non e’ possibile rispondere con cortesia, ed altre a cui non e’ proprio possibile rispondere. Dunque, anche se chiedere e’ lecito, non necessariamente le risposte devono essere cortesi e, soprattutto, una risposta non e’ mai obbligatoria. Esistono infatti dei paletti – ciascuno ha i propri – che segnano un limite invalicabile, e chi fa le domande dovrebbe capire fin dove puo’ arrivare senza urtare la suscettibilita’ delle persone. (more…)

Credo sia un brutto vizio

13 marzo 2011


In questi ultimi tempi ho letto numerose poesie scritte da autrici arabe e mi sono resa conto di come, se si vuole, sia semplice per chiunque buttare giu’ qualche pensiero cosicche’ sembri in prosa, in modo da suscitare in chi legge sentimenti d’ammirazione per la capacita’ letteraria, la vena poetica e la profondita’ delle sensazioni espresse. (more…)

Che cosa significa essere sola?

9 marzo 2011


Che cosa significa essere sola?”
Chiedo alla lentiggine solitaria sulla mia spalla sinistra.
”Significa dimenticare di aspettare”, dice la lentiggine
”ed e’ questo quando la vita ti accade”. (more…)

E’ l’amore!

5 marzo 2011


In un libro di chimica e’ scritto che quando mi hai vista per la prima volta qualcosa e’ accaduto. In quell’attimo il tuo sistema nervoso ha trasmesso segnali in codice al tuo cervello, poi la tua ghiandola endocrina ha iniziato ad emettere ormoni d’ogni tipo, e attraverso il sangue li ha inviati come messaggeri ai tuoi sensi che si sono infiammati… (more…)

Qualcosa di diverso

2 marzo 2011


Non sono i post come quello di tre giorni fa che attraggono la maggior parte dei lettori di questo blog; questo lo so e lo si vede anche dai commenti (scarsi) che sono finora giunti. Capisco dunque che chi mi segue – in particolare se di sesso maschile – preferisce molto piu’ quando mi comporto un po’ da civettuola, quando cioe’ puo’ sbirciare attraverso il foro della serratura della mia stanza da letto, riuscendo ad intravedere qualche particolare di me: le mani, le caviglie, i glutei, le cosce, i tratti del viso. Lo rilevo dal successo che hanno avuto e continuano ad avere post come quello sulle mutandine o sul lato B, che sono ancor oggi fra i piu’ cliccati e commentati. Oppure, assai apprezzati risultano i post che trattano di argomenti piccanti, nei quali si puo’ scorgere qualche vago o esplicito accenno alla mia sessualita’ come, ad esempio, quando scrivo quei raccontini tanto provocanti che a molti fanno supporre qualcosa di autobiografico. (more…)