Archive for luglio 2010

Confessioni di una viaggiatrice compulsiva

28 luglio 2010


C’e’ stato chi mi ha detto che ho un linguaggio che, per quanto sia esplicito, non riesce mai ad essere volgare. Quindi posso scrivere o parlare tranquillamente di ogni tipo di pratica sessuale ed e’ come se parlassi di fiori, di fotografia, di viaggi o di qualsiasi altra cosa. Questo non significa che le persone che mi leggono non s’immedesimino nelle situazioni che descrivo, ma pur essendone coinvolte, fino anche al punto di trarne eccitazione, non riescono ad intravedere quell’aspetto pornografico che e’ proprio di tanta gente che racconta storie in cui ci sia di mezzo il sesso, e per quanto io sia esplicita nelle descrizioni, cio’ che emerge non e’ mai la volgarita’, ma l’erotismo. (more…)

Annunci

Buone vacanze

25 luglio 2010


In effetti, osservandovi da fuori, a leggere le notizie che giungono attraverso i giornali, apparite cosi’ rintontiti da culi di veline e da pettegolezzi gossippari, che ormai pare che non sappiate piu’ neppure che ora e’. Vi state bevendo tutto quello che vi propinano ed ogni cosa, anche la piu’ banale, persino se Belen l’ha pelosa o depilata, riescono a trasformarvela in una questione sulla quale scontrarvi all’ultimo sangue, una lotta fra guelfi e ghibellini, fra tifoserie contrapposte, fra chi preferisce il pisello e chi la patatina, fra uomini che odiano le donne e donne che odiano gli uomini. (more…)

Mette piu’ a disagio Cappuccetto Rosso di un serial killer

19 luglio 2010


Questo post e’ per sfogarmi. Perdonatemi. Sara’ un po’ lungo e tanto, tanto palloso, talmente palloso che, essendo gentile, vi sconsiglio di leggerlo. Ma se proprio volete farvi del male, se non avete paura di addormentarvi al terzo capoverso oppure non temete crisi di rigetto o anche la possibilita’ di vaghe allusioni nelle quali potreste riconoscervi, proseguite pure, ma lo fate a vostro rischio e pericolo.

Dentro di me provo la sensazione che non dovrei scriverlo, che dovrei glissare, lasciar correre, in fondo chi se ne frega di quello che pensano le persone che peraltro neppure conosco nel reale? E poi la mia vita e’ cosi’ lontana da certi modi di concepire l’esistenza, che di tutto cio’ che avviene oltre i confini del mio fortificato castello potrei anche disinteressarmene, ma poi penso: e’ davvero cosi’ che devono andare le cose? Dobbiamo fregarcene? Vivere e lasciar vivere? Cercare sempre di evitare di dire quello che pensiamo per evitare rischi d’incomprensioni? Oppure, se ci si accorge che qualcuno ha dei comportamenti che noi riteniamo sbagliati, diseducativi e dannosi dovremmo farglielo presente anche se non ci toccano direttamente? (more…)

Il segreto della bellezza – II parte

16 luglio 2010


Quando ebbe modo di averle tutte e tre di fronte, guardandole attentamente penso’ di trovarsi nel bel mezzo di un sogno, e se per caso non stava sognando, quelle zingare dovevano davvero possedere il segreto della bellezza. Ma verosimilmente avevano avuto solo la fortuna di essere nate belle ed era probabile che non fossero neppure sorelle come le avevano fatto credere. Forse avrebbe dovuto provare un po’ d’invidia, non era estranea a quel sentimento, ma non ci riusci’. (more…)

Il segreto della bellezza – I parte

13 luglio 2010


Dalla vetrata la luce entrava abbagliante ed illuminava la grande stanza al centro della quale, su un tavolo rotondo ricoperto da una tovaglia disegnata con coloratissimi fiori, era preparato tutto quello che occorreva per prendere il the: tazze in porcellana finissima decorate l’una diversa dall’altra, una grande teiera, anch’essa in porcellana e con il becco ricurvo, una zuccheriera in argento impreziosito da ghirigori dorati e poi piccoli bricchi e piattini con latte, limone, sciroppi e marmellate varie. In quella stanza, almeno a prima vista, non esistevano altre aperture se non quella dalla quale Simona era entrata quasi in punta di piedi. (more…)

La sessualita’

10 luglio 2010


Forse non tutti sanno che il corpo e’ una banca dati che memorizza i piaceri, le sofferenze, le ansie e spesso ricorda quello che la mente crede di poter dimenticare. Per tale motivo la sessualita’ assume un’importanza fondamentale nella vita di ogni persona, perche’ da essa, da come viene vissuta, dipende la qualita’ della nostra esistenza cosi’ come viene interpretata dentro, ma soprattutto fuori dal letto. (more…)

La femminilita’ nell’epoca di internet

7 luglio 2010


Avendo letto un interessante articolo nei giorni scorsi, e sperando di discutere con persone che reputo recettive ad un certo genere di argomenti, tento di approfondire un discorso che da tempo m’incuriosisce, qualcosa che non capita di frequente di poter essere esaminato, vale a dire quel tipo di rapporto che il maschio ha con se stesso che lo rende capace di mettere all’opera l’immaginazione in modo quasi esasperato, per giungere a costruirsi una specifica rappresentazione della femminilita’ in uno stereotipo di donna ideale. Avverto che il post sara’ lungo ed anche noioso, per cui mettetevi comodi oppure passate oltre che’ il tempo e’ prezioso e sprecarlo sarebbe un vero peccato. (more…)

La setta dell’ometto be(o)ta

5 luglio 2010


«Da quando Fabrizio (il santone della setta – ndr) ha inviato la lettera alla Aspesi le presenze femminili nel sito-blog sono cresciute e il livello di educazione e di cultura che hanno espresso è di caratura decisamente superiore a quelle delle Dorotee (suppongo volesse riferirsi a Galatea – ndr), Lameduck, Chiare di notte, che prima hanno ironizzato pesantemente sul sito-blog e sui suoi partecipanti per poi venire qui a fare le vittime innocenti. Aggiungerei anche l’ipocrisia degli esponenti di femminile plurale, tipicamente femminista del tipo: te lo voglio mettere nel “didietro” però con il sorriso sulle labbra. Ciò non toglie che nascano molti equivoci e malintesi anche con le più apprezzabili partecipanti attuali al dibattito (praticamente con tutte, infatti dopo un paio di commenti capiscono l’antifona e spariscono… a parte ovviamente Rita che e’ assai probabile si faccia la barba col rasoio elettrico – ndr). (more…)

La voce

2 luglio 2010


Ieri e’ stata a suo modo una giornata, per cosi’ dire, particolare. La ricordero’ perche’ per la prima volta ho accettato di cimentarmi in comunicazione vocale – il cosiddetto “voice” – in Second Life. Da moltissimi anni, infatti, come Chiara di Notte mi sono sempre limitata a comunicare solo tramite chat, email oppure con i post ed i commenti scritti sia nei forum che nei blog. La ragione di questa mia decisa chiusura ad ogni tipo di comunicazione che non fosse totalmente “virtuale”, oltre a mera strategia – ritengo infatti che il mistero sia un elemento che contribuisce ad aumentare l’interesse nei nostri confronti e quindi uno strumento da utilizzare a piene mani quando si e’ narcisiste come lo sono io – e’ forse stata anche un po’ psicologica. (more…)