Avete votato er nano? Emmo’ piatevelanderculo!


Suvvia, ma e’ vero che in Italia non avete la democrazia? Ma com’e’ possibile? Non lo posso credere. Ero convinta che la vostra fosse una “repubblica democratica” ed invece scopro adesso che non lo e’. E se lo dice lui che non lo e’, dobbiamo credergli. Lui non mente mai. Lui e’ il miglior primo ministro degli ultimi 150 anni. Ha piu’ di una volta salvato il mondo, ed e’ un uomo che – si sa – pensa solo al vostro benessere. Chi sarebbe cosi’ sciocco da non credergli?

Nessuno!

Quindi, quand’e’ che vi deciderete a cambiare la Costituzione cosi’ da avere anche voi una vera democrazia? Non desiderate un paese migliore, senza comunisti, disfattisti, pessimisti portatori di sfiga? Lasciate che ci pensi lui. Ha saputo o no dimostrarvi di essere un imprenditore capace? Ha saputo o no gestire le sue aziende in modo eccellente? Voi forse non ci avete fatto caso, ma mentre avevate la percezione che tutto il resto dell’Italia se ne andasse in merda – solo la percezione – lui non si e’ mai fatto prendere dal pessimismo. Non si e’ mai arreso. Anzi, nonostante la situazione internazionale gli remasse contro, gli oppositori gli mettessero i bastoni fra le ruote, i giudici comunisti lo perseguitassero ogni momento, le sue aziende sono riuscite a conseguire risultati incredibili, realizzando utili mai fatti, rendendolo uno degli uomini piu’ ricchi non solo in Italia, ma anche nel mondo.

Se dunque lo lascerete tranquillo e libero di gestire le cose, cosi’ come ha fatto con le sue aziende, non solo salvera’ l’Italia dal disastro, ma addirittura vi troverete tutti quanti a vivere un nuovo Rinascimento. Senza capire come, dalla sera alla mattina vi ritroverete ad essere tutti miliardari come lui. Voi signori uomini potrete finalmente trombarvi quelle veline porcelline con le tette sode e le gambe snelle che tanto vi fanno sbavare in tv, il tutto fra una capatina al club del golf, una corsa in Ferrari, una nuotata nella piscina della vostra villa ed una regata in Costa Smeralda. Mentre voi, care signore donne, una volta terminata la partita di burraco con le amiche, fra un pettegolezzo e l’altro, dopo aver dato i compiti alla servitu’ perche’ tutto sia perfetto per la cena, prima di recarvi alla Scala potrete fare un po’ di shopping nei migliori negozi di Montenapo o, se abitate a Roma, di via Condotti accompagnate come sempre dal vostro fedele autista-bodyguard privato che vi aiutera’ a portare i pacchi e non solo.

Se avete dei figli, li affiderete all’amorevole tata che se ne prendera’ cura quando sarete impegnate dall’estetista (o con l’autista) e quando saranno piu’ grandi, dopo il collegio svizzero potranno frequentare la Bocconi che li formera’ e fara’ di loro dei veri uomini liberi e consapevoli della propria capacita’ imprenditoriale che potranno esercitare con successo nell’aziendina di famiglia.

Anche i vostri vecchi vivranno felici e contenti, perche’ non solo non si ammaleranno piu’ di cancro, che’ sara’ finalmente sconfitto, ma avranno una vita lunga fino a 120 anni, assistiti da graziose badanti ucraine. In un’Italia cosi’, posso assicurarvi che persino i cani saranno in grado di cagare caviale, e le fontane zampilleranno Moët et Chandon. Se non ci credete, lasciatelo provare e vedrete che lui realizzera’ ogni vostro sogno.

Ma non potrete avere tutto questo se prima non acconsentirete a diventare un paese democratico, cambiando la Costituzione nel modo in cui lui vi indichera’. Guardate la Russia, la Bielorussia, la Libia, l’Arabia Saudita dove i governanti, persone stimate ed ammirate che gli sono molto amiche, sono in prima linea ogni giorno per dare democrazia e benessere al loro popolo. Prendete a modello queste nazioni libere, democratiche, civili. Ispiratevi al loro ordinamento giuridico ed istituzionale, scuotetevi di dosso il vecchiume fatto di ideologie ormai sorpassate, non date retta a quello che scrivono i giornali esteri invidiosi, non credete a chi vi racconta che in Italia la gente e’ pronta a vendersi un rene per riuscire a tirare avanti. Ritrovate un po’ di quell’ottimismo che vi contraddistingue, riappropriatevi di quel sorriso che vi e’ proprio e che i governi della sinistra, fortunatamente defunti, hanno purtroppo spento sul vostro volto rendendovi tristi, rassegnati… con le facce da sfigati cronici.

Anche se a voi pare ormai che la cacca abbia superato i livelli di guardia, se credete che al peggio non ci sia mai fine, considerate che si tratta solo di una vostra percezione: la crisi non esiste. E cercate una volta per tutte di affrontare con ottimismo e fiducia il futuro. Quel futuro che il vostro presidente che tanto vi ama riuscira’ a rendere migliore solo se gli permetterete di cambiare quella maledetta Costituzione che impedisce a lui di governare ed a voi di essere liberi perche’… perche’… cantate con me:

Perche’ il presidente e’ buono,
perche’ il presidente e’ bello,
perche’ il presidente e’ dolce,
perche’ il presidente e’ vero,
perche’ il presidente vi ama,
e lo fa una da una vita intera,
perche’ il presidente e’ il sogno,
perche’ il presidente e’ il sole,
perche’ il presidente e’ un santo
e non potra’ mai farvi del male.

* Il titolo del post e’ tratto da un commento di Amadiro nel blog di Lameduck.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: