Grafomania


Purtroppo esiste un piccolo difetto che e’ comune a molti di coloro che hanno un blog: quello della grafomania. Non che sia qualcosa di tremendo, ma c’e’ questa tendenza a scrivere troppo, ogni giorno, non soffermandosi mai accuratamente su alcunche’ di specifico e trattando ogni argomento precedente come qualcosa di gia’ esaurito, su cui non c’e’ piu’ nulla da dire, da discutere, in quanto lo scopo di cio’ che viene scritto e’ molte volte solo quello di compiacersi esclusivamente per il fatto di essere riusciti ad esprimere un pensiero.

E’ un atteggiamento assai comune che, mi sono accorta, anch’io avevo i primi tempi, quando le cose che avevo da dire erano molte, troppe, ed uscivano impetuose come un fiume in piena che fuoriesce dagli argini. Scrivevo persino due, tre post ogni giorno, ed una volta scritto l’ultimo pensavo gia’ a cio’ che avrei scritto dopo. Ma in tal modo non mi soffermavo mai a riflettere oppure, cosa non meno importante, non davo mai a nessuno la possibilita’ di fornirmi gli argomenti per ricredermi, per ammorbidire le mie posizioni, smussando gli angoli, o tuttalpiu’ trovando almeno un compromesso per mettere al loro posto le incoerenze che si agitavano dentro di me.

E cosi’ da un po’ di tempo ho deciso di avere meno irruenza. Sono piu’ pacata, diluisco maggiormente i pensieri e non ho piu’ tutta quella smania di scrivere troppe cose tutte insieme, perche’ alla fine ho capito che quello che si genera quando gli argomenti sono troppi e si accavallano, e’ solo una grande confusione. Ed essendo incapace di seguire troppe cose contemporaneamente, non avendo una personalita’ multimediale perche’ la cosa piu’ complessa che sono in grado di fare senza andare nel panico e’ quella di camminare masticando la gomma, nella confusione non riesco piu a sentire le note di quella musica che, invece, almeno qui vorrei ascoltare.

Forse adesso saro’ meno grafomane di quanto lo fossi una volta, ma in questo modo posso soffermarmi sugli argomenti, e nei commenti sviscerarli come piace a me, con calma, approfondendoli dopo aver ascoltato anche l’opinione di chi per amicizia, abitudine o solo perche’ capita qui di passaggio, dona un po’ del suo tempo per dialogare con me attraverso questo stupendo strumento che mi permette di conoscere quello che, altrimenti, non conoscerei mai.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: