Italici: popolo di grandi anal-isti


Ricordo i discorsi… le campagne elettorali, gli slogan e le anal-isi degli esperti commercialisti divenuti poi ministri dell’economia quando Visco, nelle vignette, veniva raffigurato come un vampiro che succhiava il sangue. Ricordo tutta la pantomima di chi diceva quanto fosse insostenibile una pressione fiscale oltre il 40%, e che era arrivato finalmente il momento che gli italici pagassero meno tasse, per merito anche di chi non avrebbe mai messo loro le mani in tasca… giurin giuretto!

Bla bla bla…

Ma di chi e’ la colpa? Com’e’ potuto accadere tutto cio’? Ve lo dico io di chi e’ la colpa, e sappiate che, anche se sono certa che ci resterete male, questa e’ la verita’, credetemi: la colpa e’ tutta dei comunisti! Non ve l’aspettavate, vero? Di Marx, di Lenin di Stalin, di Mao e, visto che lo spazio per scrivere non manca, ci infiliamo anche Fidel Castro e l’immarciscibile Prodi. Si’, sempre lui… estratto dal cilindro ogni qual volta che occorre un capro espiatorio ed ormai destinato, sui libri di Storia, ad essere descritto come quel disastro che ha affossato la crescita, affamato le famiglie, distrutto le piccole imprese ed ha gettato l’Italia nel baratro.

Pero’, dalla lista dei comunisti, si deve escludere Putin che e’ un grande presidente che non ha mai fatto del male a nessuno. Anzi, e’ generoso ed altruista, e regala all’utilizzatore finale persino dei bellissimi lettoni… che sono dei letti belli spaziosi e non dei nerboruti maschioni della Lettonia.

Come si fa a non sorridere un po’ amaramente di fronte all’evidenza dei fatti che, in modo inequivocabile, dimostra quanto agli italici piaccia prenderlo nel culo?

“La nostra pressione fiscale e’ la più alta d´Europa a causa del vampiro Visco e di quel disastro di Prodi che ha affossato la crescita, affamato le famiglie, distrutto le piccole imprese…” (Giulio Tremonti – Campagna elettorale del 2008)


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: