Mani


Ho delle belle mani, inutile negarlo. Ho sempre fatto di tutto per valorizzarle piu’ che potevo, consapevole dell’impatto che avevano con chi mi stava di fronte. E cio’, si sa, era parte del mio lavoro, esattamente come lo erano gli occhi, le gambe, il decollete’. Una civetteria che ancor oggi continuo a coltivare e della quale non voglio assolutamente liberarmi. Posso rinunciare a tutto, vestiti ed orpelli d’ogni genere, ma non ad avere le mani sempre ben curate.

Che le mani posseggano un forte carattere di seduzione, e’ fuori dubbio. Sono davvero convinta che delle belle mani facciano la differenza, e non parlo solo dell’aspetto estetico, parlo soprattutto del modo in cui queste esprimono, con i gesti, le emozioni ed il carattere di ciascuno. Nel sesso, poi, le mani assumono un aspetto fondamentale: oltre che con le labbra, e’ con queste che ci si avvicina al partner, si esplora il suo corpo, si dona piacere. E ci si dona piacere.

Non so se sia perche’ le mani, soprattutto le dita, hanno per noi donne questo importante significato erotico, permettendoci di eccitarci fino ad arrivare all’orgasmo, oppure se si tratti semplicemente di una strana forma di feticismo, ma da sempre sono un’attenta osservatrice delle mani altrui e sono a mia volta attratta da chi le ha belle.

Quelle di Viggo Mortensen raffigurate nella locandina del film “La promessa dell’assassino” sono, ad esempio, fra le piu’ erotiche e conturbanti che io abbia mai visto, ed e’ inevitabile che scatenino in me quei particolari desideri che mai, qui davanti a tutti, rivelerei.

delicate come petali di fiore
su di te scorrono le mie mani
ti sfiorano la pelle
facendoti rabbrividire
ti toccano nell’anima
facendoti sospirare
viaggiano dentro e fuori di te
mentre a occhi chiusi sorridi
pervasa da piacere intenso
bagnata da una pioggia di emozioni

(Andrea Acerbi)


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: