Archive for giugno 2009

Estasi di una notte

30 giugno 2009


Avevi mani bellissime. Non potevo non notarle. Hai capito subito, dalle fugaci occhiate che ti porgevo, dell’interesse che provavo per te. Hai approfittato della breccia in quelle mura delle quali di solito mi circondo e non ho dovuto attendere molto prima che trovassi il coraggio di parlarmi. (more…)

Un breve saluto

25 giugno 2009


Si’, lo so, avevo quasi promesso che avrei tentato di non connettermi ad internet in questi giorni di vacanza, ma la tecnologia wireless ed il lap top mi permettono di farlo anche stando in spiaggia e non ho saputo resistere. Cosi’ posso inviarvi questo breve saluto. (more…)

Preparativi

18 giugno 2009


Questo post e’ inutile. Potrei benissimo fare a meno di scriverlo. Non tratta ne’ di politica, ne’ d’economia, ne’ di un qualsiasi argomento d’attualita’. Tanto meno racconta delle improbabili avventure delle mie disinibite eroine, dei loro appuntamenti al buio e degli intrecci dei loro corpi nell’estasi dei sensi. Per cui, fidatevi, fareste meglio ad occupare il vostro tempo in altre cose evitando di leggere, perche’ questo e’ un post che non riguarda alcunche’ d’importante. Riguarda solo me. (more…)

Stuprare conviene

15 giugno 2009


Ddl intercettazioni (articolo 1, comma 26) – Da 6 mesi fino a 3 anni di reclusione per chi pubblica intercettazioni vietate dalla legge. Rischia la galera anche chi, mediante modalita’ o attivita’ illecita, prende diretta cognizione di atti del procedimento penale coperti da segreto e, pure, se rivela indebitamente notizie inerenti ad atti o a documentazione del procedimento penale coperti dal segreto, dei quali e’ venuto a conoscenza in ragione del proprio ufficio o servizio svolti in un procedimento penale, o ne agevola in qualsiasi modo la conoscenza. (more…)

Meglio papi che gay

14 giugno 2009


“Mi hanno detto di tutto, ci manca solo che mi dicano che sono gay…” Cosi’ ha dichiarato il papi, ridendo e scherzando, al termine di una sontuosa cena insieme a Tronchetti Provera, colui che pare sia riuscito ad alleggerire, in modo quasi legale, di un bel po’ di soldi gli azionisti Telecom.

Il tutto nella sontuosa cornice del piu’ costoso ristorante di Portofino, attoniato da habitue’, leccaculi e stornellatori vari; si capisce dallo stile di vita che conduce che e’ un uomo del popolo che ama stare in mezzo al popolo, come ha anche detto la sua karaokista preferita.

Papi e’ quindi fiero di essere tutto ma di non essere gay. Fiero di sposarsi, di divorziare, di ri-sposarsi, di ri-divorziare ma, contemporaneamente, di difendere i valori cristiani della famiglia. Mentre chi e’ omosessuale deve accontentarsi delle briciole; di quel poco, quasi niente, che viene concesso da qualche ministra delle pari opportunita’.

Con tale affermazione papi lascia dunque intendere che essere gay sia qualcosa di brutto, di veramente brutto; che essere omosessuali sia davvero la peggior cosa che possa accadere, addirittura peggiore che essere ladri, bancarottieri, corruttori, incoraggiando e giustificando in tal modo, neanche tanto indirettamente, chi picchia ed ostracizza coloro che hanno una diversa sessualita’. Come in Iran, come in Cina, come in Russia.

In un Paese dove l’ipocrisia e l’immoralita’ abitano di casa, dove il malaffare e l’evasione fiscale sono il vero business degli imprenditori, dove la mafia e la massoneria gestiscono la politica, dove le violenze sulle donne sono consumate nel silenzio delle mura domestiche, dove ragazzine diversamente maggiorenni vengono cedute dai genitori per allietare i momenti dell’imperatore, pare che il vero motivo di orgoglio sia non essere omosessuali.

E pare essere lontana la Spagna, ancor piu’ l’Islanda, quasi irraggiungibile la Svezia. Mentre l’America sembra far parte ormai di un altro pianeta.

La musica deve cambiare

11 giugno 2009


I post ed i commenti contro il nano non servono a niente se non a sfogare la frustrazione e la crescente delusione nel vedere un Paese andare in rovina. (more…)

Il nano ci riprova e la Cina e’ sempre piu’ vicina

10 giugno 2009


Come era stato previsto il nano, insieme alla sua cricca di ladroni, con la scusa d’impedire le intercettazioni per pararsi il culo immerso da decenni nella melma del malaffare, con un’apposita norma inserita nello stesso decreto ci riprova a imporre una censura ai blog, unici strumenti ormai in grado di sputtanarlo. (more…)

Io sto con i Pirati

9 giugno 2009


Considero la Svezia il Paese piu’ civile e piu’ avanzato del mondo. Insieme all’altro mio mito, l’Islanda, esso rappresenta il luogo ideale dove mi piacerebbe vivere e, vi giuro, non m’importerebbe del suo clima gelido. (more…)

La casa delle bambole dormienti – Parte 3

6 giugno 2009


Leggi la Prima parte

Leggi la Seconda parte

Ripensò a quanto aveva atteso il momento, a quanto s’era trattenuto per non morire sprofondato nella vergogna. L’età, anche se Madame l’aveva tranquillizzato, contava poco e lui lo sapeva: non era l’età che faceva di quella ragazza un’adulta. (more…)

Il sondaggio e’ chiuso

6 giugno 2009

Oggi si conclude questo esperimento che ha visto, innanzitutto, voi partecipi non solo in veste di lettori ma anche di scrittori. Undici finali scritti da voi che hanno cercato, ognuno a suo modo, di dare una conclusione alla storia “La casa delle bambole dormienti”.

In questo ultimo sondaggio stati ricevuti in totale 22 voti ripartiti nel seguente modo:

– 8 voti per il pezzo numero tre
– 4 voti per il numero cinque
– 10 voti per il numero dieci

Il numero 10 viene quindi scelto come Terza parte della storia e verra’ pubblicato in un post separato.

A questo punto non mi resta che ringraziate tutte le persone che si sono gentilmente offerte per questo bizzarro gioco e, in caso riteniate di volerlo fare, dare il via ai commenti nel tentativo di attribuire un nome a ciascuno dei pezzi pubblicati che possono essere visionati QUI, QUI e QUI