Predicare bene e razzolare bene


La curiosa foto, ritagliata da un giornale russo, ritrae un islandese che orina sulle facce dei personaggi ritenuti responsabili del disastro finanziario che ha colpito il suo Paese.

Pare infatti che oltraggiare l’immagine di qualcuno che si detesta sia, dal punto di vista psicologico, assai efficace per incanalare l’aggressivita’ cosi’ che essa non raggiunga un livello troppo alto. Ed e’ in questo modo che il nuovo governo islandese ha voluto creare tale valvola di sfogo.

Gli islandesi, dietro al miraggio del benessere ottenuto facile e senza fatica, cedendo alla demagogia populista di chi predicava bene ma razzolava male, non avevano capito che tutto cio’ che, ottimisticamente, veniva loro assicurato, roseo ed edulcorato, non era poi cosi’ vero. E tutto cio’ e’ potuto andare avanti solo fino al momento in cui e’ stato richiesto il pagamento del conto.

Predicare bene e razzolare bene e’ la caratteristica principale che dovrebbe avere qualsiasi persona per bene. Si chiama Correttezza. Una persona corretta si riconosce quando le sue azioni corrispondono alle parole che dice, alle promesse che fa ed ai principi che esprime. Non sono ammesse eccezioni a questa regola, ne’ nella vita pubblica ne’ in quella privata.

Se si ammette anche una sola eccezione allora e’ molto probabile che, prima o poi, la buggeratura arrivera’ ed allora l’unica soddisfazione che restera’ a chi dovra’ pagare il conto sara’ quella di scegliere il modo con cui sfogare la propria rabbia.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: