Per Delara


Da Wikipedia: In epoche passate la pena di morte era utilizzata in quasi tutti gli Stati. In epoca moderna il primo Stato che l’aboli’ fu il granducato di Toscana nel 1786. Nel XIX secolo essa fu abolita dal Venezuela nel 1863 e dal Regno d’Italia nel 1889 (dove fu pero’ reintrodotta durante il fascismo, per essere definitivamente abolita dalla Costituzione repubblicana).

Negli ultimi decenni molti Stati l’hanno abolita. Amnesty International distingue quattro categorie di Stati:
– in 68 Stati al mondo la pena di morte è ancora prevista dal codice penale ed utilizzata (colore rosso)
– 89 Stati l’hanno abolita completamente (colore blu)
– in 10 Stati è in vigore ma solo limitatamente a reati commessi in situazioni eccezionali, ad esempio in tempo di guerra (colore verde)
– 30 Stati mantengono la pena di morte anche per reati comuni ma di fatto non ne hanno fatto uso per almeno 10 anni (colore arancione)

Vi sono tuttavia casi di Paesi che eseguono sporadicamente o sistematicamente esecuzioni in maniera extra-giudiziale al di fuori quindi della loro stessa struttura giuridica.

E oggi sarebbe giunto il tempo di dire basta. Il nostro cuore non ce la fa piu’ ad assistere alla morte di Delara. Ne’ in Iran, ne’ negli Stati Uniti d’America, ne’ altrove.

Piove altro sangue! Dio, non cessa ancora
la vendetta di Abele su Caino,
e non s’arresterà. La terra geme
sotto i delitti nostri, e si ribella
come un immenso toro inferocito.
E le città scompaiono sommerse
dai flutti rossi della lava, crollano
su noi le case, mentre bianco il mare
mugghia rabbioso e spinge addietro i fiumi.
Ma la vendetta non si placa. L’uomo,
questo perenne moribondo, uccide,
nell’ansia di sfuggire alla sua morte.
Libertà! grida, e non s’è ancora spento
il rantolo di quelli che ha stroncato,
che ha trucidato in nome della pace.
Ora nulla è rimasto nel deserto
del mondo, nulla che sia grande, tranne
l’odio di Abele contro suo fratello,
che tutti ci conduce verso un baratro
nero, profondo come l’universo
in una notte cupa, senza stelle.

(Urbano Stenta)

Il sito di Nessuno tocchi Caino


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: