Disclaimer anti pidocchi

Questo blog e’ alquanto bizzarro. Vengono espresse strane idee che fanno quasi sempre incazzare, scritte parolacce tremende, mostrate foto estremamente indecenti, frequentato da gente orribile la cui moralita’ e’ spesso messa in discussione e, ovviamente, ci sono io!

Per tutti questi motivi e molti altri, solo le persone maggiorenni e mature possono leggerlo, come indicato anche nel disclaimer che trovi prima di accedere.

Entrando qui, dunque, dichiari di essere una persona maggiorenne e matura; quindi puoi restare. Se non sei una persona maggiorenne e matura, ed entri lo stesso, sei bugiardo/a, ti vengono le gambe corte ed il naso lungo (se sei donna anche il culo basso), e io non mi assumo alcuna responsabilita’.

Ti comunico anche che controllare gli accessi al tuo computer e’ un problema tuo, non mio. Cioe’, se tuo figlio (o tua figlia) di sei anni viene qui e legge o vede cose che non deve leggere o vedere, sono cavoli tuoi – avresti dovuto essere un genitore migliore e piu’ attento.

Anche chi s’indigna facilmente farebbe meglio a starsene alla larga da questo posto, perche’ non ho la minima intenzione di ricontrollare tutto cio’ che scrivo nei post per vedere se magari qualcosa potrebbe offendere qualche anima pia. Quindi, accettando di entrare, accetti anche il fatto che non mi devi rompere se leggi o vedi qualcosa che non ti piace.

Infine, punto fondamentale: questo blog e’ mio. Non e’ di nessun altro/a. Non e’ un luogo pubblico: e’ solo mio. In linea di massima, questo non dovrebbe cambiare il tuo modo di rapportarti, ma ci sono alcune regole che devi assolutamente seguire.

– Regola numero uno: l’unica in questo blog che ha qualche diritto sono io
Sono una convinta sostenitrice della liberta’ di espressione, eccetera, eccetera, e faccio di tutto perche’ qui chiunque possa scrivere cio’ che pensa senza problemi. Tuttavia, questo non deve essere considerato come un diritto acquisito, ma solo una concessione che io faccio e che posso revocare in qualunque momento, senza dover dare spiegazioni a nessuno. E’ chiaro questo punto? Metterlo in discussione significa triturarmi le gonadi, e le conseguenze possono essere variabili anzicheno’, a seconda dell’umore del momento e della simpatia che provo nei confronti di chi lo fa. In altre parole, se mi rompete troppo gli insulti sono assicurati, ed il ban non e’ da escludere.

– Regola numero due: tu sei responsabile di quello che fai, non io
Per quanto io voglia mantenere la tua liberta’ di scrivere un po’ il cazzo che vuoi, ci sono leggi penali che mi impediscono di permetterti di fare davvero tutto. Quindi, niente cose illegali, niente commenti con link che portano a foto di minorenni, niente diffusione di dati privati di persone, niente del genere. Se lo fai e me ne accorgo, mi fai incazzare tanto, cancello e ti banno. Se lo fai e non me ne accorgo, e poi arriva l’omino della polizia postale che mi chiede delucidazioni, saro’ ben lieta di fornirgli il tuo indirizzo IP, e pure il tuo indirizzo di casa se lo conosco.

– Regola numero tre: se non vuoi seguire le regole, non entrare
Nonostante tutto, Internet pare ancora essere un posto libero. Niente e nessuno ti sta costringendo a entrare qui, anzi, sinceramente preferirei che tu non lo facessi. Quindi, se non accetti il fatto che io sono (ed ho diritto di essere) l’unica a decidere come gestire le cose, non entrare. Vai da un’altra parte, trovati una vita lontano da qui, fai qualcos’altro ma non entrare, perche’ in tal caso tu rimarresti molto deluso ed io mi incazzerei tanto.

– Regola numero quattro: io sono l’unica sovrana qui
Nel caso tu fossi un demente e ti fosse sfuggito, io sono la sola a decidere qui. Punto e basta. Non e’ escluso che tu possa criticarmi o contraddirmi, pero’ cio’ non significa che io non sia l’unica a decidere, ne’ autorizza a farti credere di avere qualche diritto perche’ ti ho lasciato scrivere quello che volevi, ne’, tantomeno, ti autorizza a pensare che questo blog sia un luogo democratico. Non lo e’, fattene una ragione. Questa e’ una monarchia assolutista della peggior specie, quasi una tirannide, e se non ti va bene vedi la regola numero tre.

– Regola numero cinque: io sono DAVVERO l’unica sovrana qui
Visto che, statisticamente, sei un mentecatto, te lo ripeto: io sono colei che comanda e decide tutto, sovrana e dominatrice assoluta. Se entri e lo accetti bene, se non lo accetti sei in tempo ad uscire e a non tornare mai piu’. Lo hai capito che sto cercando di invitarti a non entrare?

Con tanti baci ed immutata stima,

la tua Chiara di Notte

For who does not speak italian: if you are of legal age in your Country and agree that I’m the unique and unchallengeable ruler in this place, you are allowed to stay. Otherwise you can go elsewhere and never come back. In case you may have doubts about what I’m saying, use babelfish and try to get the meaning of what is written above.

* Libero adattamento dal disclamer di “L’Asphalto”

Annunci

15 Risposte to “Disclaimer anti pidocchi”

  1. Antonio Says:

    io non mi sento coinvolto ! credo di aver sempre rispettato le regole, nelle poche volte in cui sono intervenuto.
    Comunque basta dirlo e io mi defilo così come sono arrivato, non sono permaloso.
    Saluti

  2. Chiara di Notte - Klára Says:

    Questa mica l’ho capita…

    Sinceramente…

    PS: Avevo intenzione di fare il prossimo post su l’uomo della mia vita, ma a questo punto evito
    Non vorrei creare turbamenti. :-)))

  3. Antonio Says:

    anche io questa non l’ho capita ! sinceramente !

  4. Accattone Says:

    Vedo con un brivido di piacere che il mondo asphaltita è stuzzicante 😉

  5. gatsby Says:

    Ora tutto mi è chiaro.
    L’admin Al Capone e Chiara di Notte sono la stessa persona..
    Sdoppiamento della personalità? :-)))

  6. Devas Says:

    “L’admin Al Capone…”

    ma quello di e.f. è Al CAPPONE!

    cavoli!

  7. Alex Says:

    Scusi sovrana:-)

    ma in qualità di sudditi, abbiamo qualche beneficio?

    :-)))

  8. Chiara di Notte - Klára Says:

    Alex said…
    Scusi sovrana:-)

    ma in qualità di sudditi, abbiamo qualche beneficio?

    Si’, potete lamentarvi 🙂

  9. Alex Says:

    Chiara di Notte – Klára said…

    Si’, potete lamentarvi 🙂

    Tiranna:-)

  10. Alex Says:

    Chiara said:

    io sono colei che comanda e decide tutto, sovrana e dominatrice assoluta

    Non ho capito se eri una mistress, ti avrei visto bene nella parte:D

  11. Devas Says:

    …il popolo non ha pane! 😦

  12. davide Says:

    Gentile Chiara,

    “”…il popolo non ha pane! :-(“”

    E chi se ne frega, io mangio solo brioche: che plebei pidocchiosi importunare la nostra Regina per il pane; capisco se non avessero il pene, ma rompere le scatole per il pane no.

    Tanti Saluti dal tuo Davide

  13. Devas Says:

    “E chi se ne frega, io mangio solo brioche: che plebei pidocchiosi importunare la nostra Regina per il pane; capisco se non avessero il pene, ma rompere le scatole per il pane no.

    Tanti Saluti dal tuo Davide”

    cavoli! il Gran Ciambellano! GULP 🙂

  14. Chiara di Notte - Klára Says:

    Non ho capito se eri una mistress, ti avrei visto bene nella parte

    Che significa mistress?
    Parli dei giochini di ruolo in cui le persone continuano da grandi i loro giochi infantili?

    Non mi crederai capace di simili buffonate?!? 🙂

    A me le cose finte non piacciono e soprattutto non si puo’ ancorare l’erotismo ad un cliche’ prestabilito da dei ruoli.

    Mi piace essere plasmata e plasmare. Anche culturalmente.

    Per esempio ho molto rispetto di chi sa dimostrarmi, con i modi e gli atteggiamenti appropriati, di meritare il mio interesse. In tal caso, forse, potrei anche essere intrigata e disposta a farmi dominare…

    Peccato che in tutte le partite a scacchi che ho giocato abbia trovato solo pochi avversari degni di veder capitolare il mio Re. e di questo ne ho rammarico perche’ credo di aver perso molto, non credi?

    Pero’ io credo che ogni rapporto, ogni relazione si basi su dei meccanismi tali che se tutto risulta facile e scontato alla fine prevale la noia. Anche se, diversamente da cio’ che molti pensano, non e’ esercitando un forte carattere dominante, oppure facendo la voce grossa che si induce interesse nell’altro/a.

    Per esempio (molti se ne saranno accorti) la prima cosa che io guardo in un interlocutore e’ il suo percorso logico nell’esprimere la sua personalita’ in modo che sia gradevole e, allo stesso tempo, non noiosa.

    Non e’ una cosa facile, sai?

    Soprattutto se si ha di fronte chi, come me, ha avuto occasione di accompagnarsi a tante persone, per cui puo’ valutare su un piu’ ampio “campione”.

  15. duval Says:

    Mi piace essere plasmata e plasmare. Anche culturalmente.

    plasmami e … LASCIATI PLASMARE.

    (diciottomiladuecentocinquanta)

I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: