Things are changing

“Tutti abbiamo bisogno di qualcuno che ci guardi. A seconda del tipo di sguardo sotto il quale vogliamo vivere potremmo essere suddivisi in quattro categorie.

La prima categoria desidera lo sguardo di un numero infinito di occhi anonimi. […]

La seconda categoria è composta da quelli che per vivere hanno bisogno dello sguardo di molti occhi a loro conosciuti. […]

C’è poi la terza categoria, la categoria di quelli che hanno bisogno di essere davanti agli occhi della persona amata. […]

E c’è infine una quarta categoria, la più rara, quella di coloro che vivono sotto lo sguardo immaginario di persone assenti.

Sono i sognatori.

(Milan Kundera – Nesnesitelná lehkost bytí)”

Just saw your work… I love it.

I was almost crying… can’t believe it.

We have the solution… you made me happy.

Things are changing… I know it.

4 Risposte to “Things are changing”

  1. Alex Says:

    Ciara said:
    Sono i sognatori.

    Direi vanitosi:- )
    Le prime tre più che sognatori sembrano categorie di vanitosi, la quarta di chi ha bisogno di affetto perduto e si rifugia nel sogno sperando di cogliere un emozione che non potrà più avere.

    Per me il sognatore è colui che, in un momento di bisogno si rinchiude in una speranza, un affetto, un desiderio, difficile da realizzare, addormentandosi felice sapendo che al risveglio inizia una nuova giornata.

    Vi sono miriadi di sognatori Chiara, per quanto sciocchi possano essere i sogni sono i nostri e ci piacciono così belli e brutti che siano, sono solo nostri e nessuno si può intromettere:- )

  2. Devas Says:

    “E c’è infine una quarta categoria, la più rara, quella di coloro che vivono sotto lo sguardo immaginario di persone assenti”

    …o quelli degli Angeli…

  3. michail tal Says:

    E c’è infine una quarta categoria, la più rara, quella di coloro che vivono sotto lo sguardo immaginario di persone assenti”

    e se “gli assenti” fossero il proprio super-io? allora i sognatori sarebbero in sostanza dei nevrotici?
    🙂🙂
    scherzo

    bello comunque
    Ciao

  4. davide Says:

    Gentile Chiara,

    “”C’è poi la terza categoria, la categoria di quelli che hanno bisogno di essere davanti agli occhi della persona amata. […]”

    Questa è la categoria in cui più mi riconosco. Comunque per questo non serve essere davanti alla persona amata, perchè anche il cuore ha i suoi occhi che vedono molto più lontano e profondamente degli altri occhi.

    Tanti saluti dal tuo Davide

I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: