Ancora su Milena

Ho avuto modo piu’ volte di dire che considero Milena Cavalli una persona schietta e sincera.
Certo la mia impressione deriva da una conoscenza forumistica e di chat “virtuale” nella quale entrambe (io e lei) potremmo cercare d’ingannare l’altra ma se si accetta questo tipo di comunicazione si deve anche accettare la sensazione che da’ la persona “dall’altra parte”

E la sensazione che io ho avuto e’ stata piu’ che positiva.

Ovvio che tutto cio’ non ha a che vedere con il business o le questioni forumistiche. Utilizzo questo mezzo comunicativo perche’ lo ritengo “utile” per me stessa e poco m’importano le questioni legate al sesso dell’una o dell’altra in quanto non sono una fruitrice di servizi a pagamento di tipo sessuale.

La mia difesa della “persona” Milena Cavalli si basa solo su una questione di principio che oggi puo’ coinvolgere lei (come ieri ha coinvolto me), ma che un domani potrebbe toccare chiunque.

I metodi alla “Torquemada” sono quelli che piu’ mi hanno infastidita in tutta quanta la storia…

Ricordo di essere intervenuta piu’ volte in supporto di coloro che in determinati momenti si trovavano sottoposti a linciaggio da parte di uno sciame di nick che io dubito fossero manovrati da persone tutte differenti.

Anche Miticboy e’ stato difeso dalla sottoscritta poiche’ la questione di principio prevale sul discorso della simpatia o dell’antipatia.

Cio’ che ho fatto con Miticboy e con Milena Cavalli (ma anche con Pocahontas, Virginia e Sabrina, anche se quest’ultima ha avuto il coraggio di negarlo) , lo farei per chiunque fosse sottoposto ad un processo nel quale non venissero portate prove ma solo “accuse” di chi potrebbe essere benissimo solo un multinick creato ad hoc.

Niente da eccepire su chi “goccia a goccia” fa emergere verita’ nascoste sempreche’ esibisca una credibile documentazione ed in tale azione non utilizzi di branchi di multinick a supporto.

Il Topologo, quando inizio’ la sua “campagna” contro Milena supporto’ le sue tesi con delle semplici fotografie che non dimostravano nulla.

Inoltre utilizzo’ la capziosita’ degna del piu’ scorretto dei legulei per “rigirare” il senso dei discorsi di chi in quel momento intendeva solo affermare un “diritto” su una questione di principio.

Utilizzando quindi branchi di “amici” (forse suoi nick diversi) fra i quali l’immancabile ed onnipresente ANIMALE sempre in suo supporto ogniqualvolta ce n’era bisogno, mi fece passare per “TROLL”, anche qui senza dar prove su chi o cosa dovesse essere appellato/a con tale denominazione.

Che significava TROLL? Significava che le mie ragioni dovevano essere disattese solo perche’ contrastavano con le sue? Il termine troll gli servi’, piu’ che per dimostrare le sue ragioni, per additarmi come “sabotatrice” in un meccanismo che mi ha ricordato quello usato da certi personaggi che agiscono in sistemi “totalitari” per annichilire i dissidenti.

Ecco, questo suo comportamento che si puo’ giudicare scorretto ma che in cuor mio considero “fetido”, e’ stato il motivo per il quale anche io ho voluto “spulciare” il suo “passato forumistico” notando alcune sue contraddizioni in post recensione ove si parlava di una ragazza che lui assicurava e garantiva con seno naturale e non operato.

Dato che guardando attentamente le foto di quella ragazza chiunque si sarebbe accorto (in effetti alcuni chirurghi estetici mi hanno dato ragione) delle cicatrici abbastanza evidenti, alla richiesta di spiegazioni da parte mia, invece di argomentare in modo consono ed appropriato, continuo’ con la storia del TROLL.

Questo episodio (ma poi ce ne furono altri legati in cui lui interveniva solo per ESSERMI CONTRO sempre e comunque anche discussioni nelle quali era palese la mia ragione), mi fece capire che la persona con nick “topologo” era solita “falsificare” ogni cosa a suo vantaggio e percio’ non poteva essere ritenuta affidabile per nessuna questione, Milena inclusa.

IL mio parere e’ che per quanto riguarda l’ambiente virtuale, forumistico e delle comunita’ che si evolvono sul web, sono piu’ pericolosi i “Savonarola falsificatori” alla “Topologo” di quanto lo siano le ragazze che mettono le foto false o che si fanno le autorecensioni poiche’ i primi, in modo machiavellico (ma anche meschino), mischiano verita’ e menzogna per ridurre al silenzio chi si oppone loro negando di fatto la liberta’ d’espressione ed istigando il linciaggio.

Siccome per me’ e’ piu’ importante la liberta’ d’espressione di una foto o di una recensione, combattero’ con tutti i mezzi che avro’ a disposizione, coloro che usano il mascheramento per infamare vigliaccamente chi invece mette la sua faccia di persona sul web.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: