Il blog prosegue su Blogspot e in Facebook

21 ottobre 2014

Bottom750

Per chi fosse arrivato qui attraverso le intricate vie del Web, comunico che questo blog e’ stato sospeso e le mie storie continuano su Blogspot, al seguente indirizzo: http://chiara-di-notte.blogspot.com , oppure nella pagina di Facebook .

Ci vediamo li’!🙂

Sospensione e trasferimento Blog

30 gennaio 2013

Attenzione: questo blog su WordPress e’ temporaneamente sospeso.

Troverete i nuovi articoli nel mio BLOG SU BLOGSPOT.

Vendita promozionale

14 dicembre 2011


Hai sconsideratamente fatto sesso selvaggio col tuo ragazzo e temi che i tuoi genitori si arrabbino se scoprono che non sei piu’ vergine?
Hai imprudentemente perso tutto lo stipendio al gratta e vinci e non sai come confessarlo a tua moglie? Leggi il seguito di questo post »

Il giardino dei Kegyetlenorkok

10 dicembre 2011


Dato che avevo preso un brutto voto a scuola, mia nonna mi disse: “Oggi verrai con me. Cosi’ ti renderai conto di quanta fatica ci sia a lavorare!” Mia nonna faceva la contadina, ma a volte, per racimolare qualche spicciolo, andava in giro a sistemare giardini nelle altre case. Potava le piante, rastrellava le foglie, tagliava l’erba. Quel giorno doveva occuparsi del giardino dei Kegyetlenorkok. Leggi il seguito di questo post »

Innamorarsi

9 dicembre 2011


Questo e’ l’articolo scritto per l’ultimo numero di Esse Elle Movie Magazine [Link]. L’argomento di questo mese e’ ispirato all’Amore e alla Morte. Eros e Thanatos, dunque, cosi’ come vengono interpretati in questo mondo virtuale in cui i nick e gli avatar possono “morire” semplicemente con un click sul pulsante del “cancel account”. Oppure possono arrivare a creare relazioni durature, intense, coinvolgenti, spesso interpretate come “amicizia” o anche come “amore”. Leggi il seguito di questo post »

Un dolce, malinconico, ricordo

5 dicembre 2011


“Come amante, Andrej, era decisamente il migliore: ricco di fantasia, riusciva a soddisfarla ogni volta in un modo nuovo, mai monotono e sbrigativo come altri uomini che aveva conosciuto, che giungevano velocemente all’orgasmo non curandosi piu’ di tanto dei tempi e delle fantasie necessarie a lei, donna, per raggiungere il piacere. Leggi il seguito di questo post »

Compleanni

30 novembre 2011


E cosi’ un altro anno e’ quasi trascorso…

E quindi? E quindi non posso far altro che prenderne atto. D’altronde, se tutto restasse immobile, immutabile, cristallizzato, non sarei viva.

Una cosa e’ certa: ora intravedo le prime rughe intorno agli occhi. Leggi il seguito di questo post »

Nel blog del Tafanus…

29 novembre 2011


Da alcuni giorni, esattamente dal 20 di novembre scorso, e’ in corso nel blog del Tafanus una discussione molto accesa alla quale sto partecipando volentieri. Mi piace destreggiarmi dialetticamente laddove le persone non sono aggressive e si puo’ parlare liberamente esprimendo le proprie opinioni, e mi piace soprattutto quando mi ritrovo solitaria a controbattere quasi a tutti. E’ cio’ che sta avvenendo. Leggi il seguito di questo post »

Oggi vorrei parlar d’altro

26 novembre 2011


Non scrivo da alcuni giorni. A volte capita che mi allontani da questo luogo, per i troppi impegni, per la poca voglia, o per raccogliere le forze, che per me sono le idee. Perche’ le idee, come le forze, possono esaurirsi, posso restarne completamente priva o, semplicemente, non sentire la necessita’ di parlare di cio’ di cui in questo momento si sta parlando ovunque. A che servirebbe la mia voce in piu’ a ripetere le stesse cose? Quelle cose con le quali ormai tutti stanno facendo coro? La crisi, il debito, il crollo del sistema, oppure Monti, Berlusconi, le tasse, la casta… Leggi il seguito di questo post »

Una ragazzina

21 novembre 2011


Una volta ero piu’ impulsiva. Chi mi avesse conosciuta una decina di anni fa avrebbe potuto definirmi intrattabile, bisbetica e rompicoglioni cosmica, anche se, a guardarmi esteriormente, con la mia aria un po’ svampita apparivo dolce, docile, remissiva e del tutto innocua. Tuttavia erano molte le cose che in realta’ non accettavo, non sopportavo e si agitavano dentro di me. Forse non riuscivo a comprenderle e oggi mi rendo conto che le reazioni a quel fastidio provato erano anche fin troppo esagerate. Leggi il seguito di questo post »